Freddie Mercury: la potenza dell’ambizione

La forza della determinazione: Freddie Mercury

imparare inglese

Di recente sono andata a vedere Bohemian Rhapsody, non perche’ il film sia stato un boom, ma perche’ sin da teenager la musica dei Queen mi dava una carica di energia indescrivibile, creando in me la voglia di capire quelle canzoni cantate da Freddie Mercury con tanta passione da far venire la pelle d’oca. Con l’aiuto della mia amica Francesca cominciai a tradurre i testi per capirne l’essenza e piano piano con il dizionario cartaceo alla mano riusci a proseguire da sola.

Questo post non vuole essere una recensione sul film, in quanto non mi ritengo una critica cinematografica, ma bensi’ un breve momento di riflessione sulla potenza dell’ambizione che ognuno di noi possiede. Freddie Mercury, vero nome Farrokh Bulsara nasceva nell’isola di Zanzibar nel 1946, gia’ da piccolo manifestava doti musicali notevoli e non solo, eccelleva anche negli sport. Dopo aver trascorso la maggior parte della sua adolescenza con la nonna e la zia in India, fa ritorno a Zanzibar, ma nel 1964 all’eta’ di 18 anni si deve spostare con la famiglia in Inghilterra per via della rivoluzione di Zanzibar che minacciava la stabilita’ politica del paese.

Prima del suo enorme successo, Freddie Mercury vendeva vestiti usati al mercato delle pulci insieme alla sua ragazza Mary Austin, per un periodo di tempo lavoro’ anche all aeroporto di Heathrow scaricando valigie dagli aerei. Un ragazzo che viene descritto dagli amici come estremamente timido e con un grande interesse per la musica. Un ragazzo che molto spesso veniva chiamato “Paki” ossia proveniente dal Pakistan, un termine che oggigiorno denota una connotazione peggiorativa.

Nel 1970 fonda i Queen:

«Anni fa pensai al nome Queen… È solamente un nome, ma è molto regale e suona sfarzoso. È un nome forte, molto universale e immediato. Aveva un sacco di potenziale visivo ed era aperto a ogni tipo di interpretazione. Ero certamente consapevole delle connotazioni gay, ma quella era soltanto una delle sue facce.»

Bohemian Rhapsody e’ una canzone lunga sei minuti che richiede tre settimane per la registrazione. Una canzone che all’epoca viene definita troppo lunga per essere broadcast nella radio dalle grandi case produttrici, cosi Freddie deciso manda in onda la canzone grazie ad un amico presentatore radiofonico. All’inizio derisa e criticata Bohemian Rhapsody diventa una delle canzoni piu’ belle della storia della musica.

Cliccate qui per il testo.

Un film, Bohemian Rhapsody, che sicuramente poteva essere fatto un po’ meglio, presenti anche falsi storici, ma sicuramente che racchiude un messaggio potente che ispira a mettercela tutta, sfruttando il proprio talento, non dubitando di se stessi e rialzandosi dopo ogni inevitabile caduta.

Io sono caduta molte volte da quando mi sono trasferita a Londra nel lontano 1995, ma mi sono sempre rialzata, sono stata derisa per il mio inglese, tutt’altro che fluente all’epoca, eppure nel mio piccolo sono la persona che volevo essere, una persona che continua ad imparare e che condivide la propria conoscenza.

Sarebbe bello conoscere storie positive di tenacia e ambizione. Qual e’ la vostra storia?

Questa e’ la mia https://languagesalive.me/2016/03/08/perche-ho-deciso-di-sfidare-londra/

 

Raffaella

MA Intercultural Communication for Business & Professions

BA Hon in Spanish & French

CLTA Formazione per l’insegnamento dell’italiano, spagnolo e francese

Mi occupo di orientamento corsi di inglese, IELTS, Cambridge, business, viaggi studio, adulti, ragazzi, bambini a partire dai 3 anni. Consigli su scuole private internazionali.

Sono anche una tutor privata di italiano e spagnolo ed un’assistente delle maestre nelle scuole elementari. Contattatemi su raffaella@languagesalive.com se avete bisogno.

 

 

 

 

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *